LENZE E MONTATURE PER IL CARPFISHING
Di Maurizio Melzi

IN LINE
HELICOPTER RIG
CAPELLO
HAIR RIG
NODO NON NODO
HAIR RIG
HAI RIG TERMO
HAIR RIG
FINITO

BEN RITROVATI AMICI CARPISTI !!!!!!!!

Oggi parliamo un po di come si fanno le montature da carpfishing.

Quelle principali sono 3. La piu' usata e piu' sicura la safety rig, cio una montatura che permette di staccare il piombo in caso di incaglio. Per costruire il safety rig occorre un tubetto in silicone o in pvc, poco piu' lungo di 20 cm e una safety clip (una clip porta piombo ricoperta da un cono di gomma morbida). Dopodiche bisogna far passare la lenza madre all'interno del tubetto, far entrare la girella del piombo nella safity clip e chiuderla con il cono di gomma, legare il finale scelto e la vostra montatura finita.
Il secondo terminale, a mio avviso il piu' efficace, quello chiamato in line. Non nient'altro che un piombo posizionato direttamente sulla lenza madre; la girella del finale andra' a bloccarsi direttamente nel piombo. L'autoferrata garantita quasi al 90%. Entra in azione subito dopo che la baffona aspira la nostra boilies ed il terminale con il minor numero di slamature.
Il terzo terminale l'helicopter rig. Bisogna munirsi del solito tubetto in pvc, di una girella con gancio per poter attaccare il nostro piombo e due palline forate da inserire sul tubetto per poter bloccare il nostro finale; assemblate il tutto e il gioco fatto. L'utilizzo dei tre terminali il seguente:
In line - in presenza di pochi sassi e di un fondale non fangoso.
Safety rig - si usa in presenza di grossi sassi o di ostacoli e in quel caso abbiamo lo possibilita di sganciare il piombo e di recuperare la nostra montatura.
Helicopter rig - in caso ci troviamo a pescare in un fondale fangoso.
Ovviamente poi deciderete voi quando usare ogni tipo di terminale, io personalmente uso quasi sempre l'inline per la maggiore resa in autoferrata, anche se alcune volte rischio di lasciare giu tutto . Dopo aver imparato a fare i terminali ora guardiamo quali sono i finali piu' usati ed efficaci.
Secondo me i piu' semplici ed allo stesso tempo piu' efficaci sono sempre tre . Il primo l'hair rig . Per poterlo creare avremo bisogno di un amo di dimensione adeguata alla nostra esca, un tubetto di termorestringente di massimo 5 cm, una girella e un po di filo. A quel punto prendete il filo e formate un occhiello, dopodiche fate un normale nodo comune all'altezza di circa 2 cm dall'inizio dell'occhiello. In questo modo avete creato il capello che vi servira' per fissare la vostra esca. Ora tagliate il filo del capello a circa 20 cm, prendete un amo con occhiello e fate passare il filo appena tagliato dal basso verso l'alto fin che non arriverete all'altezza della parte piu' bassa dell'amo con il nodo del capello. Prendete il filo che avete fatto passare dall'occhiello dell'amo e iniziate a farlo girare sul gambo dell'amo.In questo modo bloccherete su se stesso il vosto filo. Dopo aver effettuato almeno 5 giri sull'amo fate ripassare il filo di nuovo nell'occhiello dell'amo, cosi avete effettuato il nodo non nodo. Prendete il tubetto di termorestringente e fatelo scorrere lungo il filo fino all'amo fin che non avanza dall'occhiello alla fine del tubetto circa 5 mm. Scaldatelo bene con il phon oppure con dell'acqua calda, prima che si raffreddi del tutto lo piegate verso la punta dell'amo fin che non formera' un angolo di circa 45 e lasciatelo raffreddare. Ora potete completare il vostro hair rig facendo il nodo palomar sulla girella alla distanza di circa 12-15 cm dalla fine dell'amo. FIDATEVI PIU' DIFFICILE DIRLO CHE FARLO !!!!!
Il secondo finale il D-rig e si usa in particolar modo nella presentazione dell'esca pop up cioe' galleggiante. I passaggi sono simili a quelli del hair rig. Come prima cosa prendete uno spezzone di filo, il fluorocarbon, fatelo passare dal solito occhiello dell'amo e lo tirate per circa 6 cm e lo lasciate dritto lungo il gambo dell'amo. Poi fate il solito nodo non nodo, inserite il filo che avete avanzato in precedenza in un anellino di metallo, rifate passare lo stesso filo di nuovo nell'occhiello dell'amo e con l'accendino bruciate l'avanzo fin che non si formera' una pallina. fatela raffreddare e tirate indietro il filo fin che non arriva contro occhiello. Legate la rimanenza del filo a una girella alla distanza di circa 9-10 cm. e anche questo fatto.
L'ultimo finale il line aligner molto simile all' hair rig per alcuni aspetti. Si prende il filo, si fa il solito capello e si fa il nodo non nodo. Adesso inizia a cambiare. Prendete un tubetto siliconico fate passare il filo nel tubetto fino ad arrivare sull'amo. Coprite tutto il nodo non nodo e a quel punto ne avanzerete qualche centimetro. Ora prendete un ago da cucire, fate passare il filo nell'ago e infilzate il tubetto in direzione della punta dell'amo. Tirate il filo con l'ago fino in fondo, tagliate il tubetto in eccesso a qualche mm dal foro che avete fatto con l'ago a quel punto, con il restante filo, fate il solito nodo palomar oppure un altro nodo. Io insisto con il palomar perche' secondo me il piu' facile da fare e resistente tra tutti i nodi.

E QUESTO E' TUTTO. SPERO CHE ABBIATE CAPITO LA MIA DESCRIZIONE.

OVVIAMENTE, TUTTO QUELLO CHE HO DESCRITTO IN QUESTO ARTICOLO E' FRUTTO DELLA MIA ESPERIENZA PERSONALE.
LUNGI DA ME L'IDEA DI FARE IL PROFESSORE IN CATTEDRA. PROBABILMENTE, CARPISTI DI VECCHIA DATA POTREBBERO AVERE IDEE ED ESPERIENZE DIVERSE DALLA MIE, IN QUEL CASO SARO' STRAFELICE DI CONDIVIDERE E SCAMBIARE OPINIONI AL RIGUARDO.

DOPO QUESTA PICCOLA PARENTESI VI SALUTO TUTTI E CI RITROVIAMO LA PROSSIMA VOLTA SEMPRE QUI.
CIAO A TUTTI I FUTURI CARPISTI E COLLEGHI E .......
.........IN BOCCA ALLA BAFFONA !!!!!!!!!!!

 

Maurizio Melzi

D RIG
D RIG
NODO NON NODO
D RIG
FASE FINALE
D RIG FINITO
LINE ALIGNER
SAFETY RIG